SCREENING IPERTENSIONE ARTERIOSA

L’IMPORTANZA DI DIAGNOSI E CURA – 17 MAGGIO 2017 GIORNATA DI PREVENZIONE CON IL PROF. MANTERO

Circa il 30% della popolazione italiana è iperteso(cioè con valori superiori a 140/90 di mmHg),ma solo un terzo sa di esserlo e ancor meno sono quelli che si curano con regolarità.
D’altra parte è ampiamente dimostrato che c’è una relazione continua tra valori di pressione arteriosa e incidenza di eventi cardiovascolari come:

  • ictus
  • infarto miocardico
  • morte improvvisa
  • scompenso cardiaco
  • arteriopatia obliterante periferica
  • insufficienza renale terminale

Tale relazione è aggravata dalla concomitanza di altri fattori di rischio cardiovascolare:

  • fumo
  • dislipidemie
  • diabete
  • obesità
  • familarità

Pertanto il controllo periodico della pressione arteriosa dovrebbe essere attuato regolarmente nella popolazione.

Di fronte a valori sospetti per ipertensione, questa diagnosi dovrebbe esser confermata tenendo conto di:

  • età e sesso
  • identificare eventuali cause (renali, endocrine) di ipertensione secondaria
  • valutare il rischio cardiovascolare
  • presenza di danni d’organo
  • condizioni cliniche associate

Ciò richiede:

  • misurazione ripetuta della pressione
  • raccolta dell’anamnesi familiare
  • esame obiettivo
  • una serie di esami di laboratorio
  • ulteriori test diagnostici

Un’appropriato cambiamento dello stile di vita può ritardare o prevenire l’ipertensione o il trattamento farmacologico dell’ipertensione lieve.
Nelle forme di ipertensione più conclamata la terapia antipertensiva può contare su cinque classi di farmaci che da soli o associati sono in grado di controllare la maggior parte dei casi .
Nei pazienti con ipertensione resistente alla terapia, così come in quelli con sintomi specifici, va sospettata una causa endocrina dell’ipertensione, molto più frequente di quanto si pensava in passato, e vanno eseguiti i relativi dosaggi ormonali (aldosterone, cortisolo, metanefrine, renina), eventuali prove funzionali e tecniche di “ imaging”.

Il riconoscimento di una causa secondaria dell’ipertensione (spesso di origine surrenalica) può portare ad una guarigione definitiva, a differenza di quanto avviene per l’ipertensione “essenziale” che richiede una terapia a vita.

Le varie problematiche qui riassunte possono trovare adeguate risposte dalla collaborazione con i medici di base di Centri specialistici per la diagnosi e terapia dell’Ipertensione.

Mercoledì 17.05 dalle 10 alle 13 – nell’ambito della XIII giornata mondiale contro l’ipertensione arteriosa; Villa Maria organizza screening per la prevenzione dell’Ipertensione Arteriosa, uomo/donna con il Dott. Prof. Franco Mantero.

Chiama lo 049 8711144 per fissare il tuo screening gratuito,  fino ad esaurimento posti.

Per richiedere ulteriori info, scrivi a info@cdcvillamaria.it  oppure clicca qui e compila il form.

 

9 maggio 2017, Notizie

Gentile utente, questo sito web utilizza cookie di tipo tecnico e di terze parti. È possibile prendere visione della privacy policy estesa e gestire l’utilizzo dei cookie secondo le Sue preferenze visitando la pagina Privacy. Proseguendo la navigazione e cliccando su "OK" verrà accettata l’impostazione predefinita dei cookie, che potrà comunque essere gestita e modificata anche successivamente accedendo alla sezione “gestione dei cookie” nella pagina Privacy Policy.